Piccolo Prestito Inpdap

Piccolo Prestito Inpdap
I prestiti Inpdap prevedono diverse tipologie di credito, adatte a tutte le esigenze dei dipendenti pubblici e statali: tra queste, esiste quella che prevede il piccolo prestito.

Il piccolo prestito Inpdap è rivolto ai dipendenti e ai pensionati iscritti ai servizi dell'Istituto previdenziale; è inoltre richiedibile anche dai parenti dei soggetti sopra citati.

Il credito fornito dal piccolo prestito Inpdap è una somma di denaro utile per spese urgenti e di minore entità ed è offerto solo se il bilancio dell'Istituto è in grado di coprire le spese eventuali, dovute alla concessione del piccolo prestito.

Il rimborso del piccolo prestito Inpdap è previsto con comode rate mensili, suddivise in 12, 24 o 36 rate, con una quota dovuta agli interessi ed un'altra di tipo capitale. Gli importi richiedibili variano a seconda della tipologia di piccolo prestito richiesta:

Piccolo prestito annuale, nel quale è possibile richiedere una cifra pari alla mensilità media netta dello stipendio o della pensione. La cifra concessa può essere restituita in 12 rate mensili e se il richiedente non ha trattenute in corso per la cessione del quinto, possono essere erogate anche cifre pari a due mensilità

Piccolo prestito biennale, nel quale è possibile richiedere una cifra pari a due mensilità nette medie dello stipendio o della pensione. Le rate mensili per la restituzione sono 24, con la possibilità di richiedere quattro mensilità se il richiedente non ha trattenute in corso per la cessione del quinto

Piccolo prestito triennale, nel quale è possibile richiedere una cifra pari a tre mensilità nette medie dello stipendio o della pensione. In questo caso, le rate mensili per la restituzione del credito sono 36, con la possibilità di richiedere sei mensilità se non si hanno trattenute per la cessione del quinto. In questa opzione è previsto il tetto massimo richiedibile, fissato in 8.000,00 euro.

Per ognuna di queste tipologie di piccolo prestito è previsto un tasso di interesse, insieme ad un'aliquota per le spese di amministrazione ed una per il fondo rischi. Le percentuali prevedono un tasso di interesse pari al 4,25% ed un'aliquota per le spese di amministrazione pari allo 0,50% .

Ogni piccolo prestito può essere rinnovato, con un massimo di 6 mesi per il piccolo prestito annuale, 12 mesi per il piccolo prestito biennale e 18 mesi per il piccolo prestito triennale.

In caso di morte del richiedente o nel caso in cui esso subisca un'invalidità permanente o assoluta contratta in servizio, il debito rimanente non viene richiesto.