Surroga mutuo Inpdap

Surroga mutuo Inpdap
Un mutuo Inpdap, come ogni altro mutuo, ha la possibilità di essere surrogato, in base al recente Decreto Bersani.

La surroga di un mutuo è l'operazione mediante la quale si può spostare un mutuo da un Istituto di credito all'altro, con la possibilità di ottenere un ampio risparmio e condizioni migliori. La possibilità di farlo è attiva già da diverso tempo e anche l'Inpdap prevede tale operazione.

La surroga di un mutuo, compreso il mutuo Inpdap, è disciplinata dal Decreto Bersani del 2007, in base al quale tutti i dipendenti pubblici o statali e i pensionati iscritti all'Inpdap possono trasferire il loro mutuo presso quest'ultimo, senza ulteriori spese o modifiche sostanziali.

Nello specifico, il Decreto Bersani, nell'articolo numero 8, sostiene che:

1.In caso di mutuo bancario, apertura di credito o altri contratti di finanziamento bancario, la non esigibilità del credito o la pattuizione di un termine a favore del creditore non preclude al debitore l'esercizio della facoltà di cui all'articolo 1202 del Codice civile.
2.Nell'ipotesi di surrogazione ai sensi del comma 1, il mutuante surrogato subentra nelle garanzie accessorie, personali e reali, al credito surrogato. L'annotamento di surrogazione può essere richiesta al conservatore senza formalità, allegando copia autentica dell'atto di surrogazione stipulato per atto pubblico o scrittura privata.
3.È nullo ogni patto, anche posteriore alla stipulazione del contratto, con il quale si impedisca o si renda oneroso per il debitore l'esercizio della facoltà di surrogazione di cui al comma 1.
4.La surrogazione per volontà del debitore di cui al presente articolo non comporta il venir meno dei benefici fiscali previsti per l'acquisto della prima casa.

È dunque possibile avvalersi anche di una surrogazione passiva, cioè del passaggio di un mutuo dall'Inpdap ad un altro Istituto di credito che abbia tassi di interesse più vantaggiosi.

Le domande di surrogazione finiranno nella graduatoria già prevista per le altre domande già esistenti.

Come prevede l'articolo 20 del regolamento Inpdap per i mutui “Nel caso di surrogazione non sono addebitate al richiedente spese o commissioni per la concessione del mutuo, né a titolo di istruttoria per l’apertura della pratica, né per accertamenti catastali”, il che significa che non saranno presenti spese accessorie, giustificate dal passaggio del mutuo.

Ogni domanda dovrà contenere anche la relativa perizia tecnica dell'immobile soggetto ad ipoteca e sarà richiesta la presenza di un notaio nel momento effettivo del passaggio all'Inpdap.